Fumettanza a Mantova

marzo 12, 2013 in Reportaggio

cover

Come in una puntata dei ragazzi della III C, cinque dei vostri Uncanny si sono preparati per Mantova Comics: pizza della mamma nel tupperware, bottiglione d’acqua, cd da viaggio scrupolosamente raffazzonato durante la notte, Google maps.

Fletto i muscoli e sono nel vuoto.

1c0b8ec68a8811e283e322000aa8200d_7

Più o meno. Più che altro, nella nebbia padana. Alle 6,00, dopo una notte insonne, ci ritroviamo in macchina, con il cd che avevamo preparato la sera prima che non gira e la visibilità in autostrada di una talpa morta male. Inizia così la nostra avventura e prosegue direttamente a Mantova con la ricerca del PalaBam. Dei Detective Conan della topografia, “Se è un palazzetto dello sport sarà una costruzione nuova non può essere in pieno centro!” per poi scoprire che era all’uscita della tangenziale, “Ah, me l’avevan detto quelli del Goblin, ma sapete, eran le 3 del mattino di martedì…”, dirà Arussil al ritorno.

Oltre ad essere molto preparati sulle strade, siamo ovviamente degli ottimi strateghi e quindi per coprire le varie conferenze, ci siamo divisi i compiti, per la serie tu vai lì, io vado là e alla fine, ci ritroviamo tutti sui divanetti dei foyer davanti al Doc e a Leo Ortolani. Prima di tutto va detto grazie a Margherita Bortolani e Paola Boni. Perché tre di noi avevano un pass stampa con cui se la sono spacciata tutto il giorno e hanno cercato di inseguire le cosplayer nei camerini (non faremo nomi).

 DSC03884

Siamo riusciti a fare quasi tutto quello che ‘dovevamo’, tranne assistere all’incontro tra blogger con Yotobi, Dario Moccia, Farenz e Mauro Uzzeo. Un muro di gente che non vi stiamo a dire. Si vedevano solo teste e si sentiva pochissimo. Peccato. Gli spazi erano davvero risicati per eventi che portano così tanta affluenza. Dunque, ci si divide, dicevamo.

Daze, Arussil e Viewtifulmax si fiondano al workshop di sceneggiatura tenuto da Roberto Recchioni. L’aula Workshop è gremita di aspiranti sceneggiatori, alcuni di noi *Coff coff * Max *coff coff* sono visibilmente emozionati.
Il nostro insegnante per un giorno ci spiega quali sono le basi per scrivere una buona sceneggiatura, elargisce consigli di esercizi da fare durante la fruizione di qualsiasi racconto, che sia esso un fumetto, un film o una puntata dei Barbapapà.
Recchioni tiene banco per un’ora e mezza, facendoci pendere dalle sue labbra e domando una buona trentina di ragazzi pronti ad appuntarsi tutto quello che dice.
Dalla decostruzione di Matrix, con tanto di paragone Cristo – Neo (dove Neo è più figo perché vola e sa il kung fu), fino all’analisi delle inquadrature “sbagliate” di Kubrik, RRobe ci racconta che essere uno scrittore è diverso dall’essere uno sceneggiatore, che dobbiamo scegliere i nostri strumenti narrativi e che partire da una storia di poche pagine è preferibile rispetto ad una saga da 3000 pagine, di cui la prime 1500 sono di presentazione dei personaggi.
Insomma, non siamo stati delusi: in fondo siamo davanti ad uno degli sceneggiatori di maggior successo e di maggior statura del panorama fumettistico italiano, mica pizza e fichi.

Durante la lezione.

Durante la lezione.

E mentre Daze scatta foto, ViewtifulMax prova a disegnare sul telefono.

E mentre Daze scatta foto, ViewtifulMax prova a disegnare sul telefono.

 

Aredhel e Jess vanno dritte ad ascoltare le novità Panini e Star Comics, più l’esilarante presentazione di Davide La Rosa con il primo numero di Suore Ninja.

Arrivate in anticipo,riescono ad ottenere dei posti di fianco alle prese (gli smartphone hanno goduto tanto) e attendono l’arrivo dei coordinatori delle serie manga, Marvel e Comics della Panini.

La presentazione inizia con Nicola Peruzzi, coordinatore Marvel, che ci presenta le prossime uscite. Per il mese di luglio è prevista l’uscita di “I primi X-Men” in concomitanza con l’uscita del secondo film di Wolverine e a settembre verrà pubblicato un nuovo volume di Spiderman intitolato “Spiderman: alla grande!” (il titolo è tutto un programma…). Sempre a luglio, la Grande Eventi Marvel ci proporrà “Planet Hulk” , volume unico che conterrà tutte le miniserie e i tie – in.

Inoltre hanno comunicato che ad agosto, ci sarà una seconda edizione in versione Omnibus della seconda serie di Kick-Ass in vista dell’uscita del nuovo film del nostro supereroe preferito! Durante la presentazione le due Uncanny son statecolpite al cuore dalla nuova collana 9L che pubblicherà ad agosto le spassose parodie di Star Wars, grazie alla mano di Jeffrey Brown, con due volumi intitolati ” Dart Fener e  figlio”  e, ancora più dolce e esilarante (come il gas) “Dart Fener e la sua principessina”.

Infine hanno mostrato una grande news in casa Panini, e per la precisione in Planet Manga, creando una nuova serie di light novel a un prezzo decisamente concorrenziale (6.90 euro, contro i soliti 12 euro della J-Pop). Il formato è “più grande di un manga ma più piccolo di un romanzo” (cit. di Alessandra Marchioni, responsabile PlanetManga). La serie partirà a maggio con Psychic Detective Yakuro e a giugno di Full Metal Panic.

Ma andiamo avanti, entro la fine del 2013 dovrebbero uscire almeno altri due volumi. Per le serie manga verranno pubblicati  “Ichi, The Killer” di Hideo Yamamoto, autore di Homunculus. Questa è un’opera pubblicata nel 1998 e a quanto ci han comunicato è super violenta e composta da 10 volumi. Da giugno è prevista l’uscita di “Valkyria Chronicles” basato sul gioco della Sega prodotto per PS1 e PS3, composto da 4 volumi.

La Star Comics ha annunciato diverse news previste da aprile a ottobre 2013 tra cui troviamo Prison School di Akira Hiramoto, Yankee-kun & Megane-chan di Miki Yoshikawa, Idol A di Mitsuro Adachi, Kamisama Kiss di Julietta Suzuki e tanti altri ancora.

Al termine della presentazione entrano Davide La Rosa e Vanessa Cardinali, rispettivamente autore e disegnatrice della nuova serie tutta italiana di Star Comics  “Suore Ninja”. Il primo volume, che uscirà ufficialmente il 14 marzo, l’abbiamo potuto trovare in anteprima.

Gli autori ci hanno presentato i personaggi, le tre suore nonché le protagoniste e il Papa neoeletto, con i baffi. Senza troppi spoiler ci raccontano la storia e anticipano qualcosina dei futuri volumi (che sono 5 in totale). Il terzo volume risulta ancora in lavorazione e il secondo è praticamente pronto (l’uscita è prevista, in teoria, per maggio). Davide e Vanessa ci hanno raccontato com’è lavorare in coppia e come nascono e si sviluppano le loro “pazze” idee. Inoltre, durante la presentazione abbiamo avuto il piacere di avere tra noi un ospite d’onore. Sì, c’era il Papa. E sì, aveva i baffi.

papabaffi

Ma torniamo a seguire gli altri tre.

Da buoni stalker, da buoni fan, assolutamente per caso, i Tre Dell’Ave Nerd incrociano nuovamente Recchioni e Daze riesce ad ottenere anche un lei un autografo (con figura di merda annessa), dopo aver atteso che Roberto parlasse con un giovane disegnatore.

Vien voglia di smanacciargli i capelli come a David Tennant

Vien voglia di smanacciargli i capelli come a David Tennant

Più morti che vivi, e con un panino di salamella mantovana nello stomaco, Daze, Arussil e Viewtifulmax fanno una giravolta e beccano quelli della Damage Comics, la fanno un’altra volta e beccano una casa editrice che non conoscevano fighissima chiamata Hop Edizioni, guardano in su e guardano in giù e si ritrovano di nuovo ad ascoltare il Rrobe che questa volta parla di zombie con Andrea G. Ciccarelli e Gianluca Morozzi. Si parla ovviamente di The Walking Dead, si passa brevemente a parlare di Warm Bodies (e a Daze parte un tic nervoso in cui si esibisce in una duck face naturale)e si finisce con un lieve flame sull’editoria e il fumetto. Aleeeeee.

DSC03904

 A quel punto una vibrazione della forza ci ha avvertiti che nelle vicinanze c’era qualcuno che stava facendo il gesto del minollo. Era ovviamente il Playmobil Boia che accompagnava il Doc Manhattan che accompagnava Leo Ortolani.

IMG_3922

ViewtifulMax, Doc Manhattan ed il suo abile travestimento e Arussil che gradisce il grattino.

Ed eccolo il Doc, non è blu e altissimo e quindi non abbiamo timore a farci due chiacchiere e anche una foto. Durante la foto accarezzava il fianco di Arussil che dice di essere  molto lusingato di queste attenzioni, ma dopo la vignetta di Ortolani sul suo blog ha un pochino di paura…

“Dovevamo organizzare un lancio di mutande…” “La prossima volta me lo dici e ne porto quante vuoi!” “Ma forse, tu non sai chi è lui!” “In realtà, è lui che non sa chi sono io…”

Facciamo la fila per un autografo da Leo, che ha il ciuffo fluente e gli occhialini ma noi lo immaginiamo con la vocina e le orecchione.

IMG_3924

Un’ inquietato Leo Ortolani accanto ad sovraemozionato ViewtifulMax

Leo Ortolani, un Geologo che scrive fumetti. Se lui avesse scelto i sassi invece di darsi al disegno ora noi non avremo Rat-Man, il fumetto più originale e geniale di sempre.

È stato un onore poterlo conoscere e farci fare da lui l’autografo, solo Viewtifulmax è riuscito ad entrare nella foto visto il casino di gente che tentava di strappare brandelli di carne dal povero uomo con gli occhiali. Rimedieremo la prossima volta!

DSC03920

Da Sinistra: Il Doc Manhattan, Leo Ortolani ed il Playmobil Boia.

L’incontro di questi due grandi, la possibilità di scrutare un attimo all’interno delle loro menti e nei loro pensieri è stato veramente uno dei momenti più alti della giornata, scopriamo così che la moglie del Doc lo pesca a giocare coi pupazzetti e fare le vocine buffe in bagno e che Ortolani ha la voce di Bruno Pizzul!

Viene svelato anche  qualcosa sul destino del Ratto, all’avvicinarsi dell’inesorabile fine è bello sapere che Ortolani ha comunque in mente di scrivere ancora di lui e che una ristampa, come annunciato varie volte, è sempre nei pensieri dello scrittore per permettere a tutti i ritardatari (compresi alcuni di noi) di scoprire e collezionare la storia del nostro Super-Sfigato preferito, inoltre queste ristampe saranno correlate di “making of” della storia, qualcosa che anche i vecchi lettori vorranno avere (ci vedo il Ragno dietro tutto questo, a quando la ristampa super-mega platinata?).

Il Doc ci parla della sua attività di blogger, un po’ della sua vita e del come e perché scrive. Ma anche di come gestire un blog: scrivete di quello che vi piace e scrivete per scrivere, non per vendere! Come in ogni campo è la passione che vi porta avanti. Il famoso Playmobil Boia, non parla molto, ma a quanto pare esegue ripetutamente il gesto del Minollo al pubblico, che non coglie. Tra una gag e una domanda, l’evento va avanti, fino alla sua conclusione… il Doc riesce a scappare aggrappandosi al Playmobil Boia, mentre Ortolani viene investito da un orda di fan assetata di sangue

Per noi è la fine della giornata, via alla Nerd Mobile per spararsi altre 4 ore 4 di viaggio di ritorno e arrivare in tempo per il compleanno di Bargas.

Ma ne è valsa la pena.

“Queste erano le prove generali per andare a Colonia?”

“No, guarda. Tu non hai idea.”

Ah, si. C’erano anche i cosplayer.

DSC03894

IMG_3915

IMG_3920

IMG_3930