Revenge – Vendetta Vendetta, tremenda Vendetta!

febbraio 14, 2013 in Anonima Telefilm


La sedicente Emily Thorne, alias Amanda Clarke, ritorna negli Hamptons (NY) dove ha vissuto da bambina con il padre, al fine di potersi vendicare nei confronti di coloro che hanno distrutto la vita del padre, accusato ingiustamente di aver finanziato un gruppo terroristico. Finita in riformatorio, sconta la sua pena ed esce. Subito fuori dal penitenziario, incontra Nolan Rossil quale la informa che il padre è morto in prigione. Inizialmente riluttante, e persuasa che le accuse mosse contro il padre fossero vere, Amanda, legge in seguito il diario del padre, lasciatole in eredità insieme a consistenti liquidità, e si rende conto che la vita di entrambi è stata letteralmente bruciata dalla famiglia Grayson
Come una moderna “Ulisse”, dopo anni di assenza per prepararsi e tessere la sua tela, al suo ritorno l’unico a riconoscerla, oltre a Nolan Ross, amico del padre e giovane imprenditore di successo, è proprio il suo vecchio cane (che come Argo le corre incontro proprio come fece con Odisseo) ora in affido al suo compagnuccio di giochi, Jack Porter, prima che la tragedia si scatenasse. Giunta sul luogo incontra la persona che ingannò il padre e lo condusse nel baratro: Victoria Grayson.
Per quanto il tema della vendetta mi sia caro, devo ammettere che questa serie tv lo porta sul piccolo schermo in modo un po’ troppo stiracchiato, giusto per rispettare la probabilistica esigenza di produzione che pone il limite delle 22 – 24 puntate.
Dichiaratamente ispirata al racconto di Dumas padre, Il Conte di Montecristo, la storia di questo telefilm differisce dal classico della letteratura che conosciamo tutti, e lo fa in modo tale da potersi ricontestualizzare ai nostri tempi mediante l’interpretazione di Emily Vancampcome protagonista (Everwood, Brothers & Sisters, The Ring 2, Carriers – Contagio letale).
Emily VanCamp
 Anche i richiami all’Odissea di Omero sono presenti a partire dal cosiddetto Opening di ogni puntata, dove vediamo il titolo della serie nel bel mezzo di un mare in tempesta. Ma tralasciando il soggetto della serie, la quale non ha nulla di particolare da dover sottolineare, questo telefilm ha la bella caratteristica di tenere lo spettatore avvinto verso una vicenda che solo all’inizio non trova grandi articolazioni, ma che, tuttavia, in seguito si sviluppa gradualmente in piccole e brevi sotto-trame, dando un’infiorettatura dai toni piacevoli.
La nostra eroina dal lato oscuro, evidenzia questa sua caratteristica proprio come l’eccelso Edmon Dantes, celando quindi la sua vera identità ai suoi nemici, cosicché questi ultimi non vedano in lei una minaccia bensì un alleato con il quale magari confidarsi e quindi da tenere ben stretto a se.
Una volta creata questa condizione di beata “visibilità invisibile”, Emily ne approfitta per ordire il modo più infimo e dannoso possibile per poter distruggere la loro vita poco alla volta. Ella non si limita a colpire coloro che sono stati ideatori e fautori delle sue disgrazie ma anche coloro che sono stati coinvolti e hanno quindi contribuito a far nascere “Emily Thorne”, prima fra tutti Victoria Grayson, interpretata da una Madeleine Stowe come sempre impareggiabile (Bad Girls, L’ultimo dei Mohicani, We Were Soldiers – Fino all’ultimo uomo, Avenging Angelo). 
Madeleine Stowe
La serie ci pone dinanzi ad un soggetto tutt’altro che originale, sfruttando un tema che di fatto non tramonta mai: la vendetta! Ricca sia di risorse che di conoscenze ed abilità acquisite nel tempo, si adopera nell’osservanza del più basilare principio de L’Arte della guerra, ovvero “Tieniti stretti gli amici, ma ancora più stretti i tuoi nemici”.
Una storia di rivalsa che si trova al suo primo percorso televisivo e che ci lascia la curiosità di vedere cosa mai possa succedere ancora che non sia già accaduto nella prima stagione. Si perché ad utilizzare determinate tematiche bisogna saperci fare. Tutti noi dubitiamo che questa vendetta possa durare in eterno, quindi è naturale chiedersi “fino a quando e quanto la tireranno per lunghe?”. Stiamo a vedere! Per il momento godiamoci la Vendetta della fu Amanda Clarke.